Due giorni a Salonicco

mar 28, 12 Due giorni a Salonicco

Oggi vi racconterò la mia avventura solitaria a Salonicco, uno dei viaggetti che ho fatto a Giugno dell’anno scorso approfittando dell’offerta Roma-Salonicco a 14€ a-r; visto che quest’anno Ryanair ha messo in vendita lo stesso volo ad un prezzo ancora più basso (la settimana scorsa costava 10€ a-r), spero che questo mio racconto possa tornare utile ai viaggiatori solitari e squattrinati che vorranno concedersi un weekend fuori porta ad un prezzo che dire irrisorio è poco ;)

Tutto è iniziato sul forum di Zingarate, quando Sprite2000 ha segnalato l’offerta: in poco tempo io ed una decina di altri zingari ci siamo aggiunti ed abbiamo formato un bel gruppo di persone che, seppur in giorni diversi, ha visitato la seconda città greca; io ho prenotato dal 7 al 9 Giugno 2011, negli stessi giorni di Ryanjet, che però purtroppo all’ultimo ha smarrito il documento e non è potuto partire.

Ma veniamo al racconto: visitare Salonicco in due giorni :)

Giorno 1 (7 Giugno)

Il volo FR7068 è partito puntualissimo alle 11.30 da Ciampino ed è atterrato altrettanto puntualmente; appena uscito dall’aeroporto sono andato dritto alla fermata del bus 78 che mi ha portato in Aristotelous Square, centro nevralgico di Salonicco, al costo di un normale biglietto. Sceso dal bus, ad accogliermi una città molto viva ed un piacevole caldo estivo!

Aristotelous Square

Aristotelous Square

Comprata al volo una bottiglietta d’acqua (la città è abbastanza economica, in un qualsiasi negozio di alimentari la bottiglietta da 500ml non costava più di 0,70€), ho iniziato a passeggiare sul lungomare in direzione White Tower, la Torre Bianca simbolo della città.

Manifestazione nei pressi della Torre Bianca

Manifestazione nei pressi della Torre Bianca

Raggiunta, l’ho ammirata da sotto senza entrarci, anche perché le visite erano consentite fino alle 15.00. Proprio sotto la torre, una miriade di manifestanti (pacifici, ma palesemente incazzati) stavano preparando una manifestazione che, di lì a poco, si sarebbe svolta per le vie della città, paralizzando i trasporti.

Ad una cinquantina di metri dalla Torre Bianca, ho preso l’Autobus 50, il bus turistico che, per soli 2,00€ (questo spiega anche il motivo per cui ho messo piede su un tour organizzato :D ), vi porterà a scoprire la città in varie tappe, ad ognuna delle quali è possibile scendere per poi risalire, senza pagare un altro biglietto, e completare il tour, che comprende i principali monumenti e la parte alta della città.

Sono sceso ad una delle tappe intermedie per visitare l’Ayos Dimitrios, la chiesa ortodossa più importante della città: la visita è gratuita e ne vale la pena; un consiglio: dalla navata sinistra della chiesa si può accedere ad un piccolo chiostro, ricco di cimeli e di gatti, di cui la città è strapiena (io lo considero un punto a favore :) ).

Da lì mi sono diretto verso il mio ostello, Studios Arabas, (o Sahtouri 28), dove non avevano ricevuto la mia prenotazione, fatta un mese prima con Hostelworld (ben 11,50€ a notte per un posto letto in camerata da 5 :) ); fortuna che Dora, la proprietaria, è una persona veramente alla mano e, non avendo posti nelle camerate da 5, mi ha sistemato in una camera doppia :)

Doccia veloce, spuntino, e riparto per il mio tour, una visitina veloce all’Arco di Galerio ed Agia Sofia, per dirigermi poi verso una delle tappe del bus 50 con l’intenzione di proseguire la visita guidata; non avevo fatto i conti però con la manifestazione, che ha obbligato il bus a variare il giro, lasciandomi lì per una buona mezzoretta :) . Senza perdermi d’animo, sono andato nuovamente verso Aristotelous Square e, preso dalla fame, mi sono fermato a mangiare un ottimo giros ed un’insalata greca in un fast food poco distante; se non ricordo male ho speso 2,00€ per il panino e 4,00€ per l’insalata greca, ma non sono riuscito a finirla per quanto era abbondante.

Giros Insalata Greca Piazza Aristotele

Birretta sul mare e mi dirigo di nuovo verso la Torre Bianca, intenzionato a riprendere di nuovo il bus 50 (l’ultimo della giornata) e farmi il giro del centro storico; quando ho raccontato alla guida che, poche ore prima, ero stato mezz’ora ad aspettarlo ad un’altra fermata come un cretino, si è dispiaciuta moltissimo ed oltre a non farmi pagare un altro biglietto (avrei dovuto, visto che a conti fatti avrei fatto più di un giro e mezzo della città), ha chiesto all’autista di fare una deviazione :D per riaccompagnarmi in ostello: un autobus enorme, di linea, che ha fatto una deviazione ed una fermata in un incrocio dove non avrebbe mai dovuto essere, solo per far scendere me vicino l’ostello!! Ero a dir poco lusingato… :)

Si fa sera, io sono esausto ma contento per la bella giornata, doccia e a letto dopo nemmeno 2 minuti…

 

Giorno 2 (8 Giugno)

Il programma prevedeva di raggiungere la Penisola Calcidica in autobus, ma considerando che la città mi era piaciuta, che tra viaggio di andata e di ritorno sarei stato più sull’autobus che in spiaggia, ho deciso di rimanere in città.

Scendo verso il centro e visito i principali luoghi di interesse della parte bassa della città: l’Agorà, la via Egnatia, l’Agios Theodora. Mi sono fermato più di un’oretta al Modiano Market, l’antico mercato della città.

Modiano Market Salonicco

Modiano Market

Vi consiglio di visitarlo, oltre a bancarelle di cibo e di qualsiasi altro genere vendibile, ci sono parecchi ristoranti e chioschi dove mangiare qualcosa; io ho preso dei pomodori, uno yogurt greco ed una birra e sono tornato in ostello, anche per fare una doccia dato che il caldo iniziava a farsi sentire.

Veduta di Salonicco dalle Mura

Veduta di Salonicco dalle Mura

Dopo pranzo è iniziata la scalata della parte alta di Salonicco a piedi, seguendo il percorso delle antiche mura della città: il sole che mi batteva sulla testa non era da poco, ma è stata un’esperienza piacevole; le case arroccate in quella zona sono molto caratteristiche ed i panorami che si scorgevano dall’alto valevano la scarpinata. Lungo la stada, poco prima della sommità, mi sono imbattuto in un convento che pure vi consiglio di visitare; ora come ora non ne ricordo il nome, ma è nei pressi della porta da cui si accede all’Ano Poli.

L’Ano Poli di Salonicco, cioè la Città Vecchia, è veramente bella ed il torrione (visitabile) da cui partono le mura ovest della città è Patrimonio dell’Umanità UNESCO: domina tutta la città ed è molto suggestiva; sono rimasto qui un’oretta (anche per prendere fiato :) ), prima di scendere lungo il percorso delle mura verso la zona universitaria della città.

Ano Poli

Ano Poli

Non pago della camminata, ho proseguito dalla Rotonda di nuovo fino a Piazza Aristotele e da lì fino all’ostello. Pensavo di fare come il giorno precedente, cioè fiondarmi a letto in un nanosecondo, ma non avevo fatto i conti con un gruppo di ragazzi serbi che, senza nemmeno presentarsi, mi hanno offerto un paio di birre…

Trascorrere una serata con dei perfetti sconosciuti, bevendo birra e parlando di chissà cosa ed in chissà quale lingua è una delle cose che più amo del viaggiare da solo! :)

Giorno 3 (9 Giugno)

Dopo due giorni così intensi, mi è rimasta solo una mattinata di vacanza prima di tornare a casa: sveglia con calma, zaino in spalla e via verso il centro.

Non ricordo di aver visitato nessun altro monumento degno di nota, a parte il panificio :) dove ho fatto incetta di panini ripieni di qualsiasi cosa con cui avrei pranzato a bordo dell’aereo; quindi ho preso un caffé greco (buonino, senz’altro meglio di qualsiasi espresso che possiate prendere al di fuori dei confini nazionali) e via, col solito autobus 78, verso l’aeroporto!

Aeroporto di Salonicco

Aeroporto di Salonicco

Tiriamo le somme!

Cosa dire di questa due giorni a Salonicco? Senz’altro un’esperienza meravigliosa, una nuova prova per me, che mi ha confermato che vale sempre la pena di viaggiare, di scoprire un posto nuovo, di vedere le cose con i propri occhi anziché lasciarsele raccontare da qualcun altro. E che con meno di 100€ (14€ il volo, 23€ l’ostello, 30€ di treno perché abito lontano dall’aeroporto e meno di 50€ per cibo e birra) si possono trascorrere due giorni in Grecia ;)

Bene, il mio racconto/guida di Salonicco è terminato. Se avete domande da farmi, basta lasciare un commento qui sotto; se l’articolo vi è piaciuto, potete fare click sul tasto mi piace di Facebook per segnalarlo ai vostri amici ;)

Gianluca.